L’argine del fiume Ippari e gli interventi

Ragusa. Il dirigente provinciale del Dipartimento regionale dello Sviluppo rurale dell’assessorato all’Agricoltura Vincenzo Arcadipane ha indetto in queste ore a Ragusa la conferenza dei servizi finale per l’esame e l’integrazione al progetto che riguarda gli interventi di recupero di un tratto del fiume Ippari. Si tratta nello specifico del tratto di contrada Tremolazza-Salina il cui argine venne fortemente danneggiato dall’esondazione del gennaio scorso.

Dopo due riunioni promosse dal commissario del Libero Consorzio Dario Cartabellotta per dare risposte concrete agli agricoltori danneggiati, si è alla fine individuata una soluzione per definire gli interventi di manutenzione delle opere in difesa dell’alveo del fiume.

Agli agricoltori, in previsione delle piogge autunnali, preme soprattutto ricostruire l’argine divelto e pulire il letto del fiume e degli argini col ripristino dell’originaria sezione idraulica e delle pendenze per almeno 200 metri.

La nuova riunione consente in pratica di procedere alla fase esecutiva con l’esame dell’integrazione alla perizia di variante al fine di acquisire le autorizzazioni all’intervento da parte degli enti competenti.

Leave a Response