Domenica con acquazzone: danni e allagamenti

Ragusa –

Pioggia doveva essere e pioggia è stata. Le previsioni avevano preannunciato una domenica di break dal caldo afoso della scorsa settimana, in attesa che, da mercoledì in poi, le temperature tornino a salire, e così è stato. Un violento temporale, a partire da metà mattinata, ha via via interessato tutta la provincia iblea, dalla fascia costiera alle aree interne. Il problema, come spesso in queste situazioni accade, è che si è riversata tanta pioggia in pochi minuti e dopo mesi di siccità. E così diverse strade sono andate in panne, finite letteralmente sott’acqua, con tombini che non hanno retto, disagi e allagamenti. Come quello alla guardia medica dell’ospedale di Comiso, dove anche in centro si sono viste scene di panico, con auto bloccate e richieste di soccorsi, in particolare nella zona di corso Ho Chi Min a Comiso. Violento acquazzone anche a Ragusa, con i soliti tombini saltati in via Archimede all’incrocio con viale dei Platani. Un problema che, in quest’area della città come in altre, non si è ancora riusciti a risolvere e che di volta in volta si ripresenta come effetto geyser. A Marina di Ragusa, come nel resto delle spiagge, c’è stato un fuggi fuggi generale all’arrivo dei nuvoloni, che pochi minuti hanno concesso ai bagnanti più temerari per cercare riparo. A Vittoria si è verificato un guasto Enel nella centrale idrica di Sciannacaporale e si è interrotta l’erogazione in diverse zone della città. Il sindaco ha fatto sapere di essere in contatto l’Enel per la soluzione del problema, invitando nel frattempo a moderare i consumi. A Scoglitti, invece, come ogni anno, sistema fognario in tilt e fuoriuscita di liquami nel tratto iniziale del lungomare. Vigili del fuoco e protezione civile sono stati chiamati ad eseguire qualche intervento, ma per fortuna nulla di grave. Da oggi torna il sole e si annuncia un’altra settimana tipicamente estiva

 

Leave a Response