Caso Gambina, il corpo sarà riesumato

 

Vittoria-

Alla fine hanno avuto ragione i genitori che non si sono mai dati per vinto: il corpo di Roberto Gambina, lo studente vittoriese trovato morto nel novembre del 2015 nel cortile della scuola che frequentava sarà riesumato.

Si dovrà infatti procedere all’autopsia dopo che la Procura di Ragusa ha deciso di riaprire il caso e ad effettuare i nuovi accertamenti saranno la criminologa forense Roberta Bruzzone e il medico legale Giuseppe Iuvara.

Si indaga pertanto per istigazione al suicidio a carico di ignoti. Com’è ampiamente risaputo, quel giorno lo studente vittoriese arrivò a scuola in ritardo. Poi si allontanò dall’aula con un permesso e non vi fece più ritorno. Una studentessa avrebbe raccontato di averlo visto correre proprio nel cortile, poi il drammatico rinvenimento del corpo senza vita. La famiglia non ha mai creduto alla tesi del suicidio che era stata all’inizio privilegiata dagli inquirenti. Per i Gambina, che sono stati anche ospiti della trasmissione di Rai 3 CHI L’HA VISTO, qualcuno lo avrebbe spinto dalla finestra dopo un furioso alterco. Adesso questa svolta alle indagini, da chiudere tassativamente entro sei mesi.

Leave a Response