Arrestato dalla Guardia di Finanza Sasà Cintolo

Ragusa-

Un fulmine a ciel sereno scuote in queste ore Ragusa e i palazzi della politica e dello sport. La Guardia di Finanza ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in regime di domiciliari ed emessa dal Gip del tribunale nei confronti di Rosario Cintolo, per tutti Sasà, già presidente e delegato provinciale del Coni di Ragusa.

Il provvedimento restrittivo è conseguente alle indagini sulla gestione dei contributi che la Regione siciliana nel periodo 2006-2012 ha messo a disposizione della scuola regionale dello Sport ubicata in contrada Selvaggio. Le accuse a carico di Cintolo e di un altro indagato, già segretario regionale e direttore della stessa scuola, sono di peculato.Denunciato a piede libero PIAZZA Silvio, altro dirigente che, per lungo tempo, è stato segretario regionale e direttore della Scuola.

È inoltre in corso l’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo di tutti i cespiti monetari nella disponibilità degli indagati per un valore complessivo di circa 600 mila euro. Oggi alle 11 intanto, presso il comando provinciale della G.Finanza, sono stati illustrati i particolari dell’operazione.

I fatti oggetto di indagine hanno riguardato il controllo e la verifica dei contributi erogati dalla Regione Siciliana (circa 800.000 €) in favore del CONI di Ragusa nel periodo compreso fra il 2006 e il 2012, e la gestione delle strutture della Scuola Regionale dello Sport di via Magna Grecia (Contrada Selvaggio).

Il reato ipotizzato dall’Autorità Giudiziaria riguarda numerose condotte di peculato per un ammontare di circa 600.000 €.

L’attività investigativa è scaturita da un esposto-denuncia presentato dal responsabile dell’Ufficio Vigilanza del CONI di Roma, con il quale è stata segnalata la presenza di alcune gravi anomalie contabili sulle rendicontazioni che il Comitato Provinciale di Ragusa inviava periodicamente.

Pertanto, gli investigatori della Compagnia di Ragusa, dapprima con il metodo classico, monitorando le transazioni contabili e finanziarie, poi mediante l’ausilio delle intercettazioni telefoniche, hanno accertato fatti e condotte di rilevanza penale a carico degli indagati.

Le fattispecie di peculato contestate si sono concretizzate in una serie di condotte che vanno dall’accensione di un conto corrente c.d. “ombra”, in quanto non autorizzato e non conosciuto dal CONI Nazionale, alle dichiarazioni mendaci e fuorvianti che hanno indotto in errore l’Assessorato Regionale Sport, Turismo e Spettacolo di Palermo, facendo sì che gli accrediti dei finanziamenti avvenissero su un conto non ufficiale e non su quello autorizzato.

Nello specifico, viene contestata una gestione personale e disinvolta degli indagati che, attraverso prelievi fatti sia con assegni che per contanti, svuotavano sistematicamente il conto corrente creato ad hoc, utilizzando i fondi pubblici da destinare alle attività sportive per fatti privati ed anche per l’acquisto di autovetture, imbarcazioni e altre utilità.

Tali condotte avvenivano attraverso una doppia rendicontazione dei costi, di cui una veniva inviata al Comitato Nazionale di Roma, che provvedeva al pagamento/rimborso attraverso il conto corrente ufficiale acceso presso la BNL, l’altra trasmessa all’Assessorato Regionale di Palermo che metteva a disposizione ulteriori fondi per fini sportivi, sul conto corrente “ombra” acceso presso la BAPR, il tutto approfittando dell’assenza di flussi di comunicazione tra Roma e Palermo.

È stata altresì riscontrata una gestione “clientelistica” delle strutture pubbliche da parte degli indagati, che ha riguardato l’uso della Scuola dello Sport per eventi, manifestazioni, ecc., senza che i proventi derivanti da queste concessioni venissero versati sul conto corrente ufficiale, ma intascati direttamente dai soggetti.

Ulteriore danno arrecato alle casse dell’Ente è dato dal fatto che le strutture, venivano concesse in locazione o in comodato d’uso gratuito, senza l’addebito di costi legati al consumo di luce, acqua e gas, che rimanevano a carico del CONI.

Oltre all’arresto, è stato disposto dal G.I.P. di Ragusa il sequestro preventivo di tutti i cespiti monetari nella disponibilità di Cintolo Rosario e di Piazza Silvio, per un valore complessivo di circa 573.000,00, pari all’ingiusto profitto del reato.

Le condotte emerse sono state oggetto di comunicazione della Corte dei Conti Regionale per ipotesi di danno erariale.

Leave a Response