Acate. Raffo e l’immobilismo del consiglio

Acate. Una lettera alle massime autorità di Stato e Regione per denunciare l’immobilismo del CC che da circa un anno continua ripetutamente a far venire meno il numero legale e non adottando gli atti fondamentali che la legge attribuisce allo stesso organo. A scrivere la missiva il sindaco di Acate Franco Raffo a dire del quale questo immobilismo del civico consesso porta anche a non poter garantire i servizi essenziali per la comunità acatese. Quindi con gravissime ripercussioni in termini di salute pubblica e sicurezza, costringendo l’A.C ad adottare continuamente ordinanze di contingenza e urgenti per garantire il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Ultimo e non meno importante esempio dell’immobilismo del CC, la mancata approvazione del Prg, disattendendo le direttive e le diffide del commissario ad acta, con ulteriori gravi ricadute economiche e imprenditoriali sul territorio e sull’intera comunità acatese. Il primo cittadino chiede pertanto quali provvedimenti si intendano adottare per interrompere questo stato di cose, una paralisi che ostacola il libero esercizio delle funzioni democratiche oltre che ilbuon andamento della P.A.

Leave a Response